Se il cane abbaia di notte, impedendo ai vicini di casa di dormire, questi potrebbero chiedere al proprietario dell’animale un risarcimento. E’ quanto stabilito dalla Corte di Cassazione, che ha confermato la sentenza della Corte d’Appello di Caltanissetta sul caso di due cani lasciati abbaiare dai padroni tutte le notti sul terrazzo di un appartamento all’interno di un condominio. Secondo i giudici, come riportato nella sentenza, “l’assenza di sonno è causa di danni alla salute“.Come riportato da Il Messaggero, nel caso di Caltanissetta uno dei vicini non riusciva più a dormire a causa dei latrati e dei guaiti dei due cani; ha quindi fatto causa al suo dirimpettaio, sostenendo che il mancato riposo gli avesse provocato danni alla salute e anche la perdita del lavoro, perché non più in grado di svolgere al meglio le sue mansioni e per le troppe assenze per malattia. I giudici hanno dato ragione al vicino “disturbato”: i proprietari dell’animale hanno dovuto risarcirlo e pagare anche 2.700 euro di spese di giudizio.

Written by:

X